Gestalt Counselling e Art Therapy

Counselling a orientamento Gestaltico Artistico Fenomenologico

Un percorso formativo personale e professionale che favorisce lo sviluppo delle capacità relazionali, dell'empatia, dell'intuito, della creatività.

Destinatari

Il Counselling è una professione riconosciuta dalla legge n. 4 del 14 gennaio 2013 che regolamenta le attività non organizzate in ordini professionali.

La formazione Triennale in “Gestalt Counselling e Art Therapy” è rivolta a chi desidera sviluppare competenze relazionali per motivi personali, e ai professionisti per i quali la relazione d’aiuto è intrinseca nell’esercizio della professione come medici, psicologi, educatori, artisti, genitori, insegnanti, operatori sociosanitari, responsabili risorse umane. La formazione può essere utilizzata anche solo come percorso di crescita personale.

Obiettivi

Il percorso triennale in Gestalt Counselling e Art Therapy a orientamento umanistico, fenomenologico ha le seguenti finalità:

  • Sviluppo delle capacità comunicative e dell’autenticità;
  • Crescita della consapevolezza e dell’autodeterminazione;
  • Potenziamento delle capacità creative.

Struttura del Corso

Ogni anno si articola in un week-end al mese per dieci mesi e uno Stage Intensivo.  L’ammissione agli anni successivi avviene a seguito di un colloquio/esame che si svolge all’interno del gruppo.  Sono ammesse il 10% di assenze all’anno.

Programma Didattico

  • Principi base di Gestalt Counselling, Fenomenologia, Esistenzialismo, Art Therapy e Body Work
  • Il Counselling come l’arte di “aiutare ad aiutarsi” centrata su responsabilità e libertà individuale
  • Crescita dell’individuo e legami affettivi: attaccamento, individuazione, differenziazione
  • La dinamica del cambiamento: consapevolezza, ciclo di contatto, autoregolazione organismica
  • Il contatto IO-TU e i meccanismi di evitamento al contatto
  • Le attività coordinate dall’emisfero destro del cervello: sensazioni, emozioni, immaginazione, movimento corporeo, intuito
  • Comunicazione verbale e non verbale
  • Ascolto empatico: vedere il mondo dal punto di vista dell’altro
  • Conoscere se stessi per incontrare l’altro: differenza fra identificazione ed empatia
  • La comunicazione nelle situazioni di conflitto
  • Colloqui di Counselling: il problema nel suo contesto, dal generale al particolare, sentire, pensare, immaginare, scegliere
  • Colloqui di Counselling: ascolto partecipativo, attenzione, focalizzazione, rispecchiamento, riformulazione, ridefinizione
  • Il dialogo interno e la comunicazione interpersonale
  • Dal conflitto all’integrazione di bisogni, desideri, intenzioni
  • I sentimenti del cliente e quelli dell’operatore
  • La funzione psico-fisiologica delle emozioni
  • Il silenzio come fattore positivo e il principio del vuoto fertile
  • Rispetto e accettazione della realtà dell’altro
  • Leadership e assertività nella vita personale e professionale
  • Lavorare in team
  • Body Work: il corpo e il suo linguaggio
  • Il conflitto nel corpo: dall’accoglienza alla trasformazione
  • Sogni, metafore e fantasie guidate
  • Le relazioni d’amore: intimità, passione, impegno, autenticità, reciprocità
  • Eros, sessualità, innamoramento, amore
  • Dipendenze e relazioni familiari
  • Accenni al modello Sistemico Relazionale
  • Relazione genitori-figli
  • Processo creativo e arteterapia
  • Il lavoro con la fiaba per bambini e adulti
  • Il Counselling nel setting individuale, di coppia e di gruppo
  • Laboratori creativi: improvvisazione teatrale, scrittura, pittura, pittura del corpo, collage, scultura di carta, scultura del corpo, immagini e fotografie, musica, danza
  • Etica e Deontologia professionale

 

Scarica il programma dettagliato

Modalità Didattica

Leggi

La modalità didattica è teorico-esperienziale e promuove lo sviluppo personale oltre che tecnico professionale in quanto sollecita le risorse di ogni partecipante. I contenuti del programma didattico sono linee guida di un approfondimento teorico che emerge dal lavoro di gruppo. La motivazione a mettersi in gioco e’ il requisito basilare alla partecipazione.

L’andamento tipico di ogni weekend è il seguente:

  • Sabato pomeriggio: pratica di Counselling individuale in gruppo – Feedback dei partecipanti – Chiarimenti teorici e tecnici.
  • Domenica mattina: teoria sulle tematiche del programma,  laboratorio sui sogni,  piccoli gruppi di supervisione Counsellor – Cliente.
  • Domenica pomeriggio: laboratori creativi con le varie tecniche artistiche e ricapitolazione nel gruppo allargato

Iscrizione

Leggi

Per l’ammissione occorre un diploma di scuola media superiore. L’iscrizione può avvenire in ogni momento dell’anno poiché è un modello di formazione continua ed è preceduta dalla partecipazione ad un week-end di prova gratuito come metodo selettivo reciproco.

Se poi si procede con l’iscrizione occorre firmare per accettazione la Privacy, il Segreto Professionale e il Regolamento. L’workshop effettuato sarà considerato il primo incontro del percorso complessivo.

Attestato e Diploma

Leggi

L’Attestato di Partecipazione rilasciato al termine del percorso d’aula (450h) è valido per iscriversi al CNCP con la qualifica di Counsellor di base – Professionista con abilità di Counselling .

Il Diploma di “Professional Gestalt Counsellor” a indirizzo Artistico Fenomenologico è rilasciato a chi completa la formazione di 950 ore (Percorso d’aula 450h + Tirocinio 500h). Nell’attività di tirocinio è compresa la Tesi finale, la Supervisione e il Counselling personale in gruppo o in individuale.

Il Diploma consente l’iscrizione agli elenchi dei Counsellor nel rispetto degli standard europei ed è riconosciuto da:

  • AICo – Associazione Italiana di Counselling
  • CNCP – Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti
  • EAC European Association for Counselling 

Tirocinio

Leggi

Il programma del Tirocinio ha lo scopo di ampliare la prima parte del percorso formativo attraverso esperienze pratiche di Counselling nei diversi ambiti d’intervento per affinare le competenze relazionali e metodologiche atte ad offrire una gamma di esperienze il più ampia possibile. L’attività di Tirocinio può avere inizio fin dal terzo anno del percorso formativo

Supervisione

Leggi

Il percorso di Supervisione viene effettuato parallelamente al tirocinio. Nel lavoro vengono utilizzate tecniche di simulazione in un’ottica non interpretativa, partendo dalle specifiche difficoltà incontrate dall’allievo nel suo lavoro di Counselling.

Esami

Leggi

Gli esami di ammissione agli anni successivi si svolgono direttamente nel gruppo. Gli obiettivi formativi da raggiungere per essere di anno in anno promossi ed ottenere il Diploma di Gestalt Counsellor sono:

1° anno – Essere consapevoli di ciò che si sente, si pensa, si agisce. Costruire una relazione d’autenticità e rispetto con il conduttore e gli altri allievi.

2° anno – Saper ascoltare empaticamente, saper correlare il sentire e il pensare, saper immaginare l’altro.

3° anno – Saper tenere le fila di quello che l’altro sente e vuole, consapevole della propria meta e delle risorse di cui necessita.

Video